Informazioni COVID-19

Come indicato nel piano di protezione della Diocesi di Lugano, i fedeli restano dispensati dall’obbligo di soddisfare al precetto festivo. In particolare alle persone considerate a rischio secondo i parametri dell’uffficio federale della sanità pubblica é sconsigliato partecipare alle funzioni. E da ricordare inoltre che le chiese restano aperte a tutti per la preghiera.

Chi partecipa alle funzioni religiose é pregato di attenersi alle direttive impartite della Diocesi di Lugano e dal Consiglio Parrocchiale.

Il Medico Cantonale Dr. Giorgio Merlani ha inviato alle comunita religiose del Canton Ticino una lettera in cui invita i ticinesi a vaccinarsi, da informazioni importanti sulla vaccinazioni e riporta dei link per avere maggiori informazioni. Trovate una copia della lettera sotto questo link.

Ricordiamo inoltre che Papa Francesco ha definito la vaccinazione “un’atto di amore”. Riportiamo qui le sue parole

Vaccinarsi, con vaccini autorizzati dalle autorità competenti, è un atto di amore. E contribuire a far sì che la maggior parte della gente si vaccini è un atto di amore. Amore per sé stessi, amore per familiari e amici, amore per tutti i popoli. L’amore è anche sociale e politico, c’è amore sociale e amore politico, è universale, sempre traboccante di piccoli gesti di carità personale capaci di trasformare e migliorare le società.

Vivere la Fede da casa

Le persone che non possono partecipare alla messa perchè considerate a rischio non devono per questo sentirsi lontane dalla chiesa, molti modi permettono di pregare da casa in sicurezza ma uniti agli altri fedeli mediante i mezzi di comunincazione sociale. Ricordiamo in particolare la Santa Messa domenicale dalla Chiesa del Cristo Risorto delle 09.05 su Rete 2 (Radio), inoltre la rete televisiva TV 2000, che propone un’ ampia offerta di celebrazioni e momenti di preghiera. Qui il link della rete televisiva con il relativo palinsesto.